Nado Canuti (Bettolle, 6 agosto 1929) è un artista e partigiano italiano.

Nel 1943 aderisce alla lotta per la Resistenza a soli 14 anni. Spronato da Mino Maccari e Pier Carlo Santini, nel 1950 inizia a dipingere e dal 1966 a dedicarsi principalmente alla scultura, alla grafica e all'arte orafa.

Presente alla IX e alla X edizione della Quadriennale d'Arte a Roma con una sala personale, dal 1959 ad oggi ha presentato le sue opere in oltre 70 personali e 150 collettive a livello nazionale ed internazionale. Dal 2004 al 2008 interviene con sue sculture e installazioni a livello urbanistico nei Comuni di Pontedera, Ponsacco, Palaia e Lajatico in provincia di Pisa con il progetto culturale "Officina Canuti", a cui si accosta il Laboratorio d'Arte tenutosi a Pontedera.

Tra le sue principali personali si ricordano: Biblioteca Comunale, Piombino (1959; 1969); Galerie Basel, Munsterberg, Basilea (1967); Galleria delle Ore, Milano (1970); Galleria La Steccata, Parma (1974; 1998); Villa Aichele, Lorrach, Germania (1975); Galleria Ada Zunino, Milano (1975; 1982; 1984); Banca Popolare Centrale, Milano (1981); Centro d'Arte "Venezia e l'Europa", Venezia (1986); "Forme nel verde", Horti Leonini, San Quirico d'Orcia (1988); Comune di Sarnano (1989); Galleria Forni, Bologna (1990); Jouy sur Eure, Normandia (1992); Palazzo Reale, Milano (2001); Museo Tadini, Lovere (2002); Città di Ponsacco (2004); Museo Piaggio, Pontedera (2007).

Moltissime le collettive a cui ha preso parte, tra cui: Circolo della Stampa, Milano (1964); Museo della Valle Intelvi, Lanza (1968); Palazzo Strozzi, Firenze (1976; 1977; 1979); Arese (1976; 1978); Palazzo della Permanente, Milano (1976; 1979; 1984; 1990; 2006); "Mostra del gioiello d'arte in Brasile", San Paolo, Brasilia, Rio de Janeiro, Belhiorizonte (1977); Castello Sforzesco, Milano (1980; 1981); Villa Reale, Monza (1980); "Aurea Arte", Tokyo (1980); Quadriennale d'Arte di Roma, Messico, Sud-America, Nord Europa, Germania, Paesi Arabi (1983); Sommacampagna, VR (1984; 1989); Istituto Italiano di Cultura, Monaco, e Augsburg, Norimberga (1988-89); Saddam Art Center, Baghdad (1988); Malindi (1988); Oslo (1989); "Il percorso della scultura", Milano (1990); Triennale, Milano (1995); Museo Nacional de Belles Artes, Buenos Aires (1995); Anversa (1995); Ambasciata Italiana, Il Cairo, Istanbul, Singapore (1998-99); "Scultura Internazionale", Agliè, TO (2006).

I suoi lavori figurano in musei italiani e stranieri, in molte collezioni pubbliche e private ed in chiese e santuari. Ha realizzato opere di notevole significato artistico e culturale in Italia e all'estero, tra cui diversi "monumenti alla Resistenza e ai Caduti". In Versilia, dove ha realizzato sculture presso i Laboratori Angeli ed Henraux di Querceta e gli Studi Nicoli di Carrara. Ha presentato le sue opere in collettive e personali presso la Galleria La Polena, Forte dei Marmi (1967); "Collages", Centro Culturale "L. Russo", Pietrasanta (1999); antologica, Piazza del Duomo e Chiesa di S. Agostino, Pietrasanta (2000); Ospedale Unico Versilia, Lido di Camaiore (2003).

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Leggi le Informazioni sull’utilizzo dei Cookie. Puoi cambiare le modalità di utilizzo dei Cookie in ogni momento. Clicca qui per maggiori informazioni. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information